La Germania è campione del mondo! Non solo nel mondo del calcio, ma anche sui social network, in particolare su Twitter. Infatti, insieme al Brasile, la Germania è una delle due squadre  più discusse della FIFA World Cup 2014 sui social network.

Il MagillaGuerrilla Facebook Ranking 2014

In concomitanza con il calcio d’inizio dei mondiali, MagillaGuerrilla ha svolto una ricerca volta a stilare una classifica delle 32 nazionali partecipanti alla World Cup 2014 sulla base di engagement rate e interazioni su Facebook, il MagillaGuerrilla Facebook Ranking 2014. L’intento era quello di analizzare le interazioni e la capacità di comunicare e creare engagement delle squadre ufficiali sulle fan page del social network.

I risultati? L’Italia sconfitta agli ottavi, Giappone-Ecuador e Olanda-Corea in semifinale, per poi vedere trionfare sul podio al terzo posto l’Ecuador, al secondo il Giappone e l’Olanda come vincitrice incontrastata.

Tutti abbiamo seguito l’evolversi dei mondiali #brasil2014: l’Italia fuori ancor prima degli ottavi,  Germania e Argentina, che nel nostro ranking erano ferme ai quarti la prima ed agli ottavi la seconda, in sfida in finale per il titolo di campione del mondo, l’Olanda, la social media winner del nostro ranking, terza classificata (comunque non ci siamo allontanati di molto, rimane tra le squadre vincitrici) e la Germania che si aggiudica la FIFA World Cup 2014.

Mondiali-2014-tabellone-classifica-MagillaGuerrilla-Facebook-ranking

Mondiali 2014: risultati delle partite online e viralità

Inutile dire che una delle principali caratteristiche di questi mondiali 2014 è la portata social delle partite, le quali hanno prodotto un numero impressionante di immagini condivise, tweet sportivi, ironici e divertenti. Ogni azione e situazione è stata condivisa e commentata sui social network, poi ricondivisa e ricommentata, sintomo di un nuovo modo di comunicare che, grazie al mondo dei social media, crea più coinvolgimento e interazione. Oltre a Facebook, che vanta moltissime interazioni sulle fan page delle squadre partecipanti ai mondiali, il social network protagonista della FIFA World Cup 2014 è Twitter.

I numeri social dei moniali 2014: la raccolta di tweet più belli

La partita Brasile-Croazia vinta dai padroni di casa per 3-1 ha totalizzato 12,2 milioni di tweet,  Olanda-Spagna, vinta dagli olandesi per 5-1 ha collezionato 8,3 milioni di tweet, la partita di esordio dell’Italia contro l’Inghilterra ha raggiunto 7,2 milioni di tweet e i calciatori più twettati sono stati @FinallyMario (Mario Balotelli) e @ClaMarchisio8 (Claudio Marchisio).

Durante la partita che ha decretato la sconfitta dell’Italia e l’uscita degli azzurri dai mondiali 2014, i tweet sono stati poco più di 3 milioni, inutile dire che uno dei picchi massimi di cinguettii è avvenuto subito dopo l’assaggio di Chiellini da parte di Suarez: il morso ha fatto contare ben 107.152 tweet al minuto.

E la rete è impazzita per quel morso costato a Suarez 9 giornate e 4 mesi di squalifica. Sono innumerevoli le immagini, le condivisioni e le battute che lo paragonano ad Hannibal Lecter o ad un vampiro di Twilight.

Mondiali 2014 - Suarez

Molti annunci importanti sono stati stati resi noti pubblicamente sui social network come quello di @Vivo_Azzurro che comunica le dimissioni di Prandelli e il video di Neymar che da YouTube  parla ai tifosi e alla sua squadra di quell’infortunio che lo terrà bloccato per qualche mese.

 

Su Facebook, come vuole il MagillaGuerrilla Facebook Ranking 2014, avrebbe vinto l’Olanda; se, invece, i mondiali si fossero giocati su Twitter, la quadra vincitrice sarebbe stata il Brasile. La squadra padrona di casa, infatti, è senza ombra di dubbio quella più twittata in questi mondiali virali. Neymar, Hulk e Julio Cesar campioni sul campo e campioni anche di tweet visto che sono stati i tre giocatori brasiliani più menzionati. Si sarebbe classificata seconda la Germania, per numero di tweet.

I mondiali 2014 raccontati su Twitter

I mondiali 2014 saranno ricordati per sempre come i più social e i più virali. 16,4 milioni sono stati i  tweet per Brasile-Cile, 9,1 milioni per Belgio-Stati Uniti, 6,3 per Argentina-Svizzera, 6,9 per Germania-Algeria e solo 3,4 per Francia-Nigeria.

Brasile-Germania, è stata  la semifinale dei record per molti motivi: risultato 1-7, record di goal subiti dal Brasile durante i mondiali, record di battute, immagini e condivisioni ironiche sui social network, record di tweet per il match.

Le immagini che ironizzavano sul risultato sono state tantissime.

 

 

E i tweet sono stati da record! 35,6 milioni di tweet consacrano la partita come l’evento sportivo più twittato della storia, battendo anche il Superbowl che deteneva il record di 25 milioni di tweet.

Tweet da Record - Mondiali 2014

Record nel record: il quinto gol, segnato da Sami Khedira, è il momento più twittato con 580.166 tweet al minuto.

 

Le parodie per la finalissima: Argentina-Germania, la finale dei due Papi

 

Gli sponsor della FIFA World Cup 2014 e altri famosi brand hanno fatto del web, e dei social in particolar modo, il loro campo da gioco.

 

 

La finale della FIFA World Cup 2014 su twitter

La finale ha registrato ben 32,1 milioni di tweet. Non ha battuto la twittatissima Brasile-Germania, ma l’evento  si è classificato come il secondo più twittato al mondo. Un record assoluto lo ha però conquistato: il momento finale della partita ha registrato 618.725 tweet al minuto.

 

 

Anche il Cristo Redentore di Rio de Janeiro è diventato social. L’abbiamo visto in diretta illuminato dei colori della squadra vincitrice dei mondiali.

Cristo Redentore Mondiali 2014

In collaborazione con l’Arcidiocesi di Rio, Twitter ha deciso di lanciare una divertente iniziativa, chiamata #ArmsWideOpen: il 12 luglio dalle 19 alle 21 (ora di Rio de Janeiro),  il Cristo Redentore è stato illuminato dei colori delle due squadre finaliste della FIFA World Cup  in base al numero di tweet che l’Argentina o la Germania hanno ricevuto. Il simbolo di Rio de Janeiro è così diventata la mascotte di questo mondiale virale, proprio lui mostrava al mondo quale delle due squadre stava vincendo, tweet dopo tweet, il mondiale virtuale, grazie ai  due diversi hashtag delle nazionali #GER e #ARG.

Cristo Redentore che è stato oggetto di mille diversi fotomontaggi che lo hanno visto trasformato in Angela Merkel, Romero e un Cristo disperato dopo la disfatta del Brasile.

Cristo Redentore - fotomontaggi - Mondiali 2014

Ma alla fine i colori tedeschi hanno trionfato. Che sia più o meno social di altre nazionali, la Germania ha trionfato sul campo del Maracana e ha trionfato su Twitter in un’unione ormai inscindibile di sport e viralità.

Facebook
LinkedIn
Google+
https://magillaguerrilla.it/brasile-mondiali-2014-twitter/
RSS
YouTube